Premio Nettuno. Le eccellenze della nostra terra.

parallax background

Il Premio Nettuno è una manifestazione che ha l’obiettivo di riportare il mare e la sua valorizzazione al centro del dibattito pubblico a Torre Annunziata e nelle città limitrofe. Il mare infatti è la maggiore risorsa di questo territorio: tutelarlo e valorizzarlo significa dare un impulso determinante alla crescita non solo delle città della costa, ma all’intera area a sud del capoluogo partenopeo.

Gli sforzi fatti in questi anni dalle istituzioni e autorità competenti, per il disinquinamento e per riportare la balneabilità sono un punto di partenza non certo d’arrivo. E il premio Nettuno vuole dare il proprio contributo in questo percorso, attraverso una manifestazione pubblica.

QUATTRO SEZIONI

Il Premio Nettuno è strutturato in diverse categorie, tutte legate al tema del mare, dell’ambiente e dell’inquinamento.
Quattro le sezioni: Chef, moda, scuole, teatro. Le serate si svolgeranno al Lido Nettuno dal 15 maggio al 25 luglio, serata finale in cui verranno premiati i vincitori delle diverse categorie.

CHEF

Ampio spazio alla creatività degli chef in gara. Chi partecipa dovrà ingegnarsi in una pietanza, a scelta tra un primo o un secondo, utilizzando pesce o frutti di mare.

La categoria chef sarà divisa in due sottocategorie: chef professionisti e studenti degli istituti alberghieri.

SCUOLA

Alla sezione scuola possono partecipare tutte le scuole della provincia di Napoli, di ogni ordine e grado. Gli studenti gareggeranno presentando lavori didattici dove dovranno trattare il tema della balneabilità e dell’inquinamento del nostro mare.

L’obiettivo è far capire ai ragazzi che il mare è una risorsa fondamentale per il futuro della loro città.

MODA

Spazio alla creatività per gli studenti della sezione moda dell’Istituto Marconi – Galilei che dovranno partecipare presentando capi disegnati e realizzati, sempre con il tema del mare

TEATRO

Spazio alla libertà espressiva delle compagnie amatoriali in gara. La sezione verrà curata in collaborazione con la FITA (federazione Italiana teatro amatoriale).